Lunedì, 02 Agosto 2021 08:58

Intenzionalità di guarigione. La mente e la cura nel mondo dei quanti

Recensione del libro:

‘INTENZIONALITA’ DI GUARIGIONE. LA MENTE E LA CURA NEL MONDO DEI QUANTI’ Autore Gioacchino M. Pagliaro
Edizioni AMRITA. Anno 2021

La vita è la ricerca della sintonia con la saggezza dell’universo. In questa frase di apertura al libro, l’autore sintetizza tutto ciò che spiegherà, con prove scientifiche, promuovendo l’introduzione dei principi quantistici, nell’azione di cura. L’attuale visione della vita, dell’uomo e della salute tende a intrappolare la malattia all’interno di metafore belliche (“la patologia è un nemico da sconfiggere”): concezione che confonde la malattia con l’agente patogeno. Invece, la malattia rappresenta la reazione dell’organismo all’agente patogeno. Pertanto, è necessario introdurre metafore che rimandino a concetti di cooperazione tra la reazione dell’organismo e le cure: da qui l’uso dell’espressione ‘intenzionalità di guarigione’ ad indicare come la mente e la cura si influenzino vicendevolmente al fine di creare, quindi, quella cooperazione che può consentire il ritorno al benessere.

L’autore ricostruisce storicamente come l’influenza della fisica classica (modello meccanicistico) abbia portato a rappresentare l’uomo ‘un soggetto biologicamente determinato’, nelle scienze psicologiche e mediche. Successivamente, la spinta delle teorie sociologiche e antipsichiatriche ha consentito di inglobare la dimensione relazionale (nel modello bio-psico-sociale, che tutt’oggi è il riferimento per gli operatori di cura). Pagliaro e colleghi (A.Salvini, G. De Leo, G.Turchi, E.Faccio) hanno teorizzato un modello antropomorfico, proponendo una visione eco-interazionista della salute, della cura e della psicoterapia (Salvini, 2004). Per fare ciò integrarono le ultime ricerche scientifiche sugli effetti del placebo (Benedetti, 2018) e sulla fisica quantistica (Plank,1935, colui che introdusse il termine ‘quanto’).

Nel libro si approfondiscono i concetti di entanglement quantistico, di biocampo, il paradigma di ‘scienza nella coscienza’ fondato da A.Goswami, il termine ‘biofotoni’ coniato da A.Gurwitsch. Pagliaro racconta le più recenti ricerche del premio Nobel per la fisica R.Penrose e dell’anestesista S.Hameroff, i quali, oltre ipotizzare la presenza di fenomeni quantistici nelle sinapsi e nei microtuboli, rilevano che la mente svolge un ruolo determinante nella creazione e nella condivisione della realtà: definendo le proprietà dei fenomeni osservati.

Sembrerebbe, quindi, che l’uomo sia parte dell’universo, non solo per l’origine dei costituenti dell’organismo e per le sostanze chimiche in circolo in esso, ma anche per quanto riguarda le leggi fisiche che lo governano. Tutti gli esseri viventi sono pervasi dall’azione di questo scambio, che, se genera stati di coerenza, favorisce la salute.

Si aprono maggiori possibilità terapeutiche da sviluppare e approfondire nella cura. L’autore offre suggerimenti utili nella pratica clinica, sull’uso consapevole dell’intenzionalità di guarigione, al fine di creare cooperazione e consentire il ritorno al benessere.

Un libro molto interessante e capace di integrare scienza e coscienza nella quotidianità dell’incontro con sè stessi, con l’altro e con ciò che ci circonda.

Bibliografia

-Benedetti F., La speranza è un farmaco. Come le parole possono vincere la malattia. Mondadori, Milano 2018.

-Hameroff S., Anesthetic action and quantum consciousness. In “Anesthesiology”, Aug; 129 (2) pp.228-231, 2018.

-Hameroff S., Penrose R., Orchestrated Reduction of Quantum Coherence in brain microtubules: a model for Consciousness. In “Mathematics and computers in simulation”, n.40 pp.453-480,1996.

-Plank M., The universein the light of modern Physic. Allen and Unwin, Londra, 1935. -Salvini A., Psicologia Clinica. Domenighini Editore, Padova 2004.

 

Dr.ssa Mara Fantinati

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.